Regole della strada

Da quando i sei fidicini si sono dotati di Carlotta, la macchina grassotta, hanno stabilito un rapporto epistolare con la polizia municipale berlinese, per non passare sotto silenzio il costante contributo economico alla prosperità del sistema, li mortacci delle multe.

Gentile signor Bakunin, è un vero peccato doverle ricordare che questa sia una zona di parcheggio a pedaggio. E questo significa che si paga. Ci sono delle apposite macchinette dove si inseriscono le monetine di euro e si paga per il tempo di sosta. Ci dispiace che lei si sia scordato di farlo, cerchi per piacere di essere più attento la prossima volta; per questa volta fan 10 euro.

Gentile signor Bakunin, ci dispiace farle notare che il giorno 28 febbraio alle ore 16.12 lei stava transitando per la strada Taldeitali quando ha dimenticato di avvertire con l’apposito meccanismo della freccia la sua svolta a destra. Non si fa. Le vogliamo ricordare che questa è una pratica condivisa e davvero importante. Se lo ricordi per piacere e cerchi di fare più attenzione la prossima volta; per adesso fan 30 euro.

Caro signor Bakunin, la sua macchina è veramente parcheggiata male. Peggio sarebbe forse impossibile. Non sappiamo come abbia fatto a non notarlo, perché, davvero, lei così blocca l’accesso alla strada e rende complicata ogni manovra per le altre auto. Ricordi che laddove non è indicato altrimenti le macchine andrebbero parcheggiate parallelamente  e vicine al marciapiede, stia più attento in futuro. Grazie

Ora, se laggiù in Italia, in una città mediogrande tipo Roma, o Napoli (!!?), qualcuno dovesse incontrare dei tizi vagamente allucinati, con gli occhi sbarrati, la mascella spalancata e la pelle resa diafana dallo stupore non se n’abbia, fa parte dell’ultimo stadio di formazione dei poliziotti municipali berlinesi, il ”Praktikum all’inferno” lo chiamano. Li portano lì, li mollano a un incrocio poco prima dell’ora di pranzo (che è già un concetto per loro strano, il pranzo? quale pranzo?) e poi, dopo una quarantina di minuti tra clacson, motorini, scooter, parcheggi in terza fila, autobus e sorpassi, li recuperano con una flebo di botulino, per distendere la tensione accumulata.

Che le regole della strada italiane stanno a un vigile tedesco come la filmografia completa di una pornostar sta a una suora carmelitana.

Annunci
Contrassegnato da tag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

mammamsterdam

Unica, imprescindibile, imponderabile, inevitabile Mammamsterdam da oggi anche in formato monodose e nuova confezione migliorata

Germania

Opinioni di un freelance

Baby Blues

diario di un film

Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

(Carne da macello)

Just another WordPress.com site, so what?

Z bzem

Cukier albo bez

Fidicins

da Cracovia a Berlino, passo passo

boostapazzesca

tre metri sotto er laurentino pittrentotto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: