C’era una volta

un mondo dove le mamme riuscivano a scrivere un post e raccontare quello che era successo. Raccontavano di compleanni e di feste, di torte e regali, e anche di verdure fritte e creme di cioccolata. O di una macchina che era talmente carica di cocci da non aver più spazio per il passeggino, ma di una nonna speciale che poi interveniva montando un passeggino carrozza inglesino vintage talmente chic che persino Paqualino settebellezze accusava la marxiana proletaria natura, troppa per cotale regale meraviglia e, anzi che sedersi là sopra come un Luigino quindicino, preferiva aggrapparcisi e spingerlo sentendosi, nel caso, più intimo a Superman.

C’era una volta tutto questo, finché non si trovava un pannolino e dove l’hai messo e non ce ne sono più e io non l’ho visto e io nemmeno e che due palle va bene spengo tutto.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

mammamsterdam

Unica, imprescindibile, imponderabile, inevitabile Mammamsterdam da oggi anche in formato monodose e nuova confezione migliorata

Germania

Opinioni di un freelance

Baby Blues

diario di un film

Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

Z bzem

Cukier albo bez

Fidicins

da Cracovia a Berlino, passo passo

boostapazzesca

tre metri sotto er laurentino pittrentotto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: