Finite le vacanze

Finite le vacanze d’autunno l’inverno si fa più vicino, i fidicini si stringono e sfornano torte e tortine, che il calore fa sempre bene, ma in questo momento di colori autunnali fa anche meglio.

Il piccolo imperatore è ormai un partecipe indefesso delle attività dell’asilo. Ha pure un suo omologo ‘kumpel’, piccinino come lui, ma con la testa tonda e gli occhioni blu, e quando il tedesco condivide le parole del polacco maman è solo che felice. Arriva, ride, le fa ciaociao con la mano e via, verso l’amico biondo. Il suo, diciamo scarno, vocabolario si è arricchito di una strepitosa nuova parola che lui ripete a litanìa ossessiva e infila ovunque, anche di notte nei sogni, si sveglia e dice NEIN! Ma lo dice ridendo, scherzando ed è più un bel suono per lui, almeno così sembra. E poi funziona, anche. Ieri per esempio stava cercando di spaccare un vetro con le ruote di un trattore di legno e maman gli ha intimato un serissimo NEIN. Al che lui ha smesso. Ha smesso, ma con un’espressione da gatto beccato sul fatto, ha girato gli occhi lontani dalla mamma, si è come rallentato e ha fatto finta di cambiare gioco da solo, per buona pace del vetro. E poi in Germania coi tedeschi non ci si può certo aspettare che insegnino l’affetto mediterraneo. Nein. La lingua è un fatto culturale e il tedesco si comincia coi divieti, coi paletti e con l’ordine. Le eccezioni verranno contemplate forse dopo la maggiore età, per adesso che imparino a contenersi, queste anguille.

Le ragazze invece sono state dieci giorni in vacanza coi loro nuovi amici, una simpatica coppia di vicini di casa che loro hanno ben pensato di adottare come nonni, come amici, come confidenti e come seconda casa. I nonni non ci sono, sono lontanissimi e loro non hanno nessuno che le vizi e le trastulli. Ma soprattutto in quella casa delle meraviglie, oltre alle due persone dedicate a loro, ci sono due gatti, un cane e la tv e quindi l’appartamento rappresenta per loro il gradino più prossimo al paradiso che loro possano immaginare, tant’è che hanno passato dieci giorni in campagna con loro. Felici e contente. Dove oltre ai gatti, al cane e alla tv hanno trovato anche altri animali, gli alberi, i giardini e gli alberi di mele. Ritornare a casa è stato per loro come svegliarsi da un sogno, ma per fortuna ci sono la scuola e i compagni, gli amici, e quindi anche questa pessima terrena e prosastica realtà ha i suoi lati positivi. Poi certo, a casa c’era il piccolo imperatore che le aspettava con una macchinina in mano.

Allegria!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

mammamsterdam

Unica, imprescindibile, imponderabile, inevitabile Mammamsterdam da oggi anche in formato monodose e nuova confezione migliorata

Germania

Opinioni di un freelance

Baby Blues

diario di un film

Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

(Carne da macello)

Just another WordPress.com site, so what?

Z bzem

Cukier albo bez

Fidicins

da Cracovia a Berlino, passo passo

boostapazzesca

tre metri sotto er laurentino pittrentotto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: